Cosa vedere, dove mangiare e dove fermarsi

Un itinerario storico, spirituale e naturalistico attraverso Emilia, Toscana e Lombardia

 

L’Italia dei cammini: riscoprire i luoghi con un turismo lento e consapevole
L’Italia è un paese ricco di storia, tradizioni, prodotti tipici di alta qualità e panorami naturalistici da togliere il fiato e, in questi ultimi anni, gli italiani stanno scoprendo sempre di più la filosofia del camminare lento e consapevole, un modo rivoluzionario di viaggiare ed entrare in contatto con luoghi e persone. Nella lentezza di un itinerario a piedi si può raggiungere un contatto profondo con la propria vita e comprendere l’importanza dell’ascoltare sé stessi e il mondo che ci circonda. Camminare vuol dire entrare in contatto con il proprio passo, con il proprio respiro, con i suoni della natura e con le parole degli altri.

I viaggi a piedi permettono di scoprire luoghi sconosciuti in maniera alternativa, divertente e salutare. Un “modus viaggiandi” perfetto per visitare le città, le vie secondarie, gli angoli più nascosti di una regione e per dedicarsi a lunghe e rigeneranti passeggiate immersi nel verde, in campagna, in pianura, in collina o lungo i sentieri di montagna.  Se il Cammino di Santiago de Compostela può rivelarsi una vera e propria esperienza di crescita e spirituale, i cammini italiani non soffrono certo di un complesso di inferiorità ma tengono il passo, richiedendo lo stesso impegno, la stessa determinazione e, a volte, la stessa fatica.

Alla scoperta di tesori che a volte non sappiamo nemmeno di possedere, possiamo percorrere l’Italia in un viaggio ideale da Nord a Sud, zaino in spalla e comode scarpe da trekking, lungo gli oltre quindicimila chilometri che attraversano l’intera penisola. Un viaggio che unisce soprattutto i piccoli comuni, con i loro saperi, le arti, la cultura e i prodotti enogastronomici tradizionali che fanno grande il Made in Italy nel mondo. Un tuffo nell’arte e nella storia d’Italia attraverso itinerari che si snodano tra borghi, fortezze, castelli, abbazie, santuari e monasteri, oltre che boschi, laghi e foreste.

 

Per organizzare al meglio l’itinerario e le soste del Cammino è possibile visitare la sezione dedicata sul nostro sito.

 

Pronti a partire per il Cammino di Santa Giulia? Tutte le tappe su www.ilcamminodisantagiulia.it.

 

 

 

RSS
Email
Facebook
Google+
https://www.visitformigine.it/territorio/il-tratto-formiginese-del-cammino-di-santa-giulia
Twitter
YouTube
Pinterest
LinkedIn
Instagram
Visit Formigine